+39 346 5350737 hello@ontosschool.it

La Mission

La nostra missione è di dare a tutte le persone la possibilità di vivere efficacemente la propria quotidianità, sviluppando le capacità  di costruire e vivere relazioni soddisfacenti.
I nostri programmi di formazione sono rivolti a chi sinceramente desidera superarsi, andando oltre le loro condizioni attuali che, pur essendo già soddisfacenti possono essere migliorate….
Il percorso è strutturato così da permettere agli iscritti di diventare efficaci professionisti nella Relazione di Aiuto come Coach e Counselor.

La chiave per condurre un’esistenza umanamente piena è la consapevolezza non solo di avere un corpo pieno di vita in cui scorre sangue ma anche che viviamo nel linguaggio. Attraverso il nostro corpo e con il linguaggio, comunichiamo e ci rapportiamo con gli altri, insieme creiamo uno scopo per la nostra vita e ci mettiamo al servizio. In un arcobaleno di emozioni ci permettiamo di usare pienamente le nostra ragione e intelligenza.

Le nostre Risorse

Clicca sulle immagini per maggiori informazioni e per visionare il Curriculum Vitae

DSC_0042

Pierluigi Mottini

DSC_0408

Antonella Perletti

DSC_1625 (1)

Elena Illenupi

marco

Marco Bergonzi

I Docenti collaboratori

Ermanna

Ermanna Magnani 

Operatore Olistico, Life Coach,
diplomata in Naturopatia

Paola Maletta

Paola Maletta

Counselor Olistico Trainer con
specializzazione in Voice Dialogue

Silvia Braghini

Silvia Braghini

Medico e Psicoterapeuta, specializzata in in costellazioni familiari e sistemiche

bortolotti

Dott. Bortolotti Gianmario

Medico Specialista in Anestesia e Rianimazione – Omeopata – Floriterapeuta di Bach – Counselor Mindfulness Project

Iscrizione a SIAF dell'Ente Formativo

Óntos School è iscritta, ai sensi della Legge 4/2013, con codice SC 64/11 nell’Elenco Nazionale SIAF Italia degli enti formativi non formali SIAF Italia, per l’inserimento dei propri studenti nei registri professionale degli Operatori Olistici,e con codice SC 184/14 nell’Elenco Nazionale SIAF Italia degli enti formativi non formali SIAF Italia, per l’inserimento dei propri studenti nei registri professionale dei Counselor Olistici.

F.A.Q. - Domande frequenti

Cosa vuol dire "rete di aiuto"?

La rete di aiuto è l’insieme di entità, strumenti ed esseri che sono intorno a noi, interconnessi con i nostro mondo, ai quali possiamo rivolgerci quando siamo in una situazione di stallo, o anomalia, per trovare una nuova possibilità di evoluzione, sia personale che professionale.

In ambito famigliare, per fare un esempio, la nostra rete d’aiuto è formata dai famigliari, dai vicini, dalle infrastrutture scolastiche o professionali, dagli amici.

Di fatto, tutti facciamo parte della rete di aiuto di qualcuno, e riconoscerlo può già fare la differenza.

Chi è il Coach?

É una figura professionale, dedicata alle persone che sentono il bisogno di esprimere le loro potenzialità ed essere efficaci nei vari aspetti di vita che stanno a cuore, sia personali che professionali.

Il  Coach ti aiuta a :

  • individuare con chiarezza obiettivi personali e professionali
  • trovare le motivazioni a procedere, individuando gli strumenti  più adeguati
  • diventare consapevoli delle tue capacità e potenzialità
  • risolvere con successo i problemi
  • migliorare l’autostima ed acquisire sicurezza
  • comunicare con efficacia
  • gestire al meglio i rapporti con gli altri
  • orientarsi nello studio e nel lavoro
  • trovare un equilibrio tra la vita privata e quella professionale
  • trovare il coraggio di cambiare il corso della propria vita

Chi è il Coach Ontologico?

È colui che supporta l’individuo nel trovare e nell’esprimere tutto il suo potenziale, visibile e non visibile.

L’essere umano vive nel corpo, attraverso il quale si percepiscono le emozioni, e si entra in relazione con gli altri esseri viventi.

Nella pratica ontologica il principale strumento usato è la conversazione in tutte le sue forme: i movimenti, gli automatismi, la fisiognomica, e le parole usate mostrano la via che ciascuno può percorrere per scoprire nuove possibilità, in ogni ambito della propria vita (la famiglia, la coppia, il sesso, il denaro, il lavoro, il sociale, la spiritualità). 

Il linguaggio, inteso come espressione dell’essere e come momento creativo, consente di mettersi in azione, accompagnato dalla guida di un Coach, per ritrovare l’esperienza di vita di cui si è alla ricerca.

Cosa vuol dire Olistico?

Olistico è un termine che deriva dal greco “olos” che letteralmente significa “il tutto, la totalità”.

La caratteristica principale delle Pratiche Olistiche è quella di considerare l’essere umano come un unico insieme di aspetti fisici, mentali, emotivi e spirituali. Per questo l’approccio olistico prevede che tutto sia in dipendenza, diretta o indiretta, da tutto, e segue il principio secondo cui tutto ciò che ci circonda e che fa parte del nostro mondo è in profonda e continua interconnessione.

Parlare di approccio olistico in un percorso di riequilibrio di una persona significa non fermarsi al solo aspetto che viene evidenziato, che sia fisico, spirituale o emotivo, ma bensì andare alla radice della questione, da diversi punti di vista, per ricompattare la parte più profonda e vera dell’essere umano.

Che garanzie dà Óntos School?

Óntos School garantisce un percorso testato e validato, che permette l’iscrizione ai Registri di Qualificazione Professionale SIAF.

Inoltre, gran parte dei docenti hanno in primo luogo testato il percorso formativo su loro stessi, acquisendone gli strumenti ed i benefici sia a livello personale che professionale.

Cosa vuol dire che Óntos School è affiliata SIAF?

Dire che Óntos School è affiliata SIAF significa affermare che, come Ente Formativo, ha effettuato un processo di esame dei suoi programmi didattici, in termini di contenuti, finalità, obiettivi e competenza e professionalità dei docenti coinvolti, al fine di poter garantire responsabilmente un percorso di formazione che abbia una validità riconosciuta per poter operare nel settore.

Il vantaggio per gli studenti che frequentano Óntos School, è quello di poter essere seguiti ed accompagnati nell’effettuazione dell’esame di ammissione ai registri di attestazione di Qualità e di Qualificazione professionale scelti.

Qual'è la normativa di riferimento?

Il principale riferimento per chi lavora nel campo olistico è la legge 14 gennaio 2013, n.4 “in materia di professioni non organizzate”.

Grazie a questa legge, emanata a seguito di Direttive Europee già attive dal 2008, l’operatore olistico ed il counselor sono stati inseriti tra le professioni non ordinistiche, per esercitare le quali è altamente consigliabile seguire un percorso di studio e crescita personale presso un Ente di Formazione che ne abbia il titolo.

La normativa permette al singolo professionista la facoltà di qualificarsi professionalmente, tramite un percorso di attestazione di qualità e di qualifica professionale dei servizi erogati, presso un’associazione professionale di categoria, come SIAF.

Di seguito gli elementi più importanti:

  • a partire dal 10 febbraio 2013, chiunque svolga una delle professioni riconducibili alla legge è tenuto ad indicare in ogni documento e nel rapporto scritto con il cliente (fattura, ricevuta, ecc.) il riferimento alla legge stessa. L’inadempimento rientra tra le pratiche commerciali scorrette tra professionisti e consumatori e l’inosservanza è sanzionata con pene pecuniarie importanti. La dicitura da inserire nei vari documenti (ricevute, e-mail, consenso informato e materiale informativo) è:“Disciplinato ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n.4 (G.U. 26 gennaio 2013, n. 22)”;
  • la legge permette al cliente di poter verificare nei siti delle associazioni di categoria se il professionista interpellato è “registrato” e quindi in regola con gli aggiornamenti professionali richiesti dalla normativa europea;
  • le associazioni professionali hanno il compito di valorizzare le competenze degli associati e garantire il rispetto delle regole deontologiche per agevolare la scelta e la tutela degli utenti;
  • l’iscrizione ad una associazione professionale accreditata garantisce che l’Operatore rispetti gli standard di qualificazione professionale secondo i principi ed i criteri stabiliti dall’Unione europea.